10 domande semiserie per autori digitali: Riccardo Savoldo

Il romanzo di Riccardo Savoldo Lavori impossibili. Amori, truffe e un cespuglio rotolante ci ha conquistati perché ci ha fatto ridere, e far ridere (intenzionalmente!) non è mai una cosa facile. Ancor più se si parla di lavoro e anzi, per l’esatezza, di un neolaureato in Scienze della Comunicazione che comincia a muovere i primi passi nel mirabilante mondo degli stage non retribuiti / contratti a progetto / partite iva etc. E poi Mac, il cespuglio rotolante di cui sopra, è irresistibile.

1. Pubblicare in ebook. Per caso o per scelta?
A questa domanda dovrei rispondere con un pipa in bocca, un bicchiere di brandy in mano, seduto davanti ad un camino: “Ho valutato diverse opportunità, i pro e i contro, analizzato i report di mercato dei miei agenti ed infine ho fatto la scelta migliore.” Quindi la risposta è: per caso. E comunque se dobbiamo iniziare da qualche parte iniziamo dal nuovo, no? Se poi arrivano riscontri positivi da una casa editrice che pubblica solo ebook lo prendo come un segno del destino.

2. Completa la frase con tre aggettivi. Scrivere per te è…
Faticoso, presuntuoso, pericoloso.

3. Come sei presente sul web? E quanto?
Utilizzo quasi tutti i principali social-cosi. Mi faccio gli affari degli altri ma quando penso di fare un post mi chiedo sempre: “Ma alla gente gliene fregherà qualcosa di come mi sono svegliato stamattina?” Di solito la conclusione è che non scrivo niente. Un blog sarebbe più interessante ma ci vuole troppo impegno. Solo il pensiero mi ha già fatto venire il mal di testa.

4. Il personaggio di un libro con cui vorresti uscire a cena?
Sarà che l’ho conosciuto da poco ma mi viene in mente subito Marvin, il robot depresso della Guida Galattica per autostoppisti. Sai che matte risate?

5. E quello con cui perfino un caffè è troppo?
La stupida, bigotta, banale e nemmeno sensuale poliziotta (ovvio, non ricordo il nome) di Vaticanum – Il manoscritto esoterico.

6. L’autore di cui hai letto più libri?
Credo sia ancora in testa Valerio Massimo Manfredi, ma Asimov è in rimonta.

7. Estate o inverno?
Sempre più inverno man mano che invecchio. Ormai sono allergico al sole diretto, a volte ho paura di essere assalito da ragazzine in astinenza da vampiri glitterati.

8. Meglio naufragare su un’isola deserta con un libro che hai già letto o con uno ancora da leggere?
Non ho mai amato rileggere vecchi libri, anche se qualcuno lo meriterebbe. Quindi meglio uno nuovo. Se poi è brutto cosa c’è di meglio che passare il resto dei tuoi giorni lamentandoti e spiegando a Venerdì i mille motivi per cui tu l’avresti scritto meglio?

9. Dove leggi ebook?
Che domande! In bagno. Ah, intendevate su che lettore? Ops… allora Kobo Mini. Dal punto di vista estetico e tattile è fighissimo. Ammetto che se provo a leggere qualcosa con foto o grafici gli occhi mi si intrecciano un po’, ma sta in tutte le tasche e così è diventato la mia salvezza in ogni momento di attesa dal dottore/coda al supermercato/compagnia di persona noiosa che non si accorge nemmeno che sto leggendo mentre continua parlare dei suoi problemi intestinali.

10. In quale autore ti reincarneresti?
Dico Virgilio. Poeta ufficiale all’apice dello splendore di Roma, circondato da un gruppo di personcine di non scarso ingegno, accanto al creatore dell’Impero. Essere al centro del centro del mondo e togliersi lo sfizio di fare lo snob scrivendo di pastori e contadinelle sperduti ai margini della civiltà. Impagabile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...